Trattamenti di Botox, Peeling e filler: Dott.ssa Dibartolo Rita
Ecografia tiroide
18 Novembre 2020
Ecografia al seno e mammografia
23 Novembre 2020

Botox, Peeling e filler: Dott.ssa Dibartolo Rita

La Dott.ssa Dibartolo Rita laureata in medica medicina e chirurgia presso l’università degli studi di Pavia e successivamente specializzata in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed estetica presso Università degli Studi di Milano, oggi ci spiegherà le varie differenze e caratteristi di questi trattamenti estetici il Botox, Peeling e filler.

Che cos’è la tossina botulinica di tipo A?

La tossina botulinica, chiamata anche botox, è una sostanza iniettabile che riduce o elimina temporaneamente le linee sottili e le rughe del viso.

La tossina botulinica è una sostanza purificata derivata dai batteri. Le iniezioni di tossina botulinica bloccano i segnali nervosi al muscolo in cui è stata iniettata. Senza un segnale, il muscolo non è in grado di contrarsi. Il risultato finale è una diminuzione delle rughe del viso. I tipi comunemente noti di iniezioni di tossina botulinica di tipo A includono: Vistabex®, Dysport®, Bocouture®.,

Le zone trattate più comunemente sono le rughe sulla fronte, le rughe perioculari (comunemente note come zampe di gallina) e le rughe della regione gabellare (rughe comprese tra le sopracciglia). Diverse altre aree possono state trattate come il collo e le linee delle labbra (codice a barre); inoltre la tossina botulinica può essere usata per correggere  il gummy smile, per migliorare l’aspetto corrugato del mento, per sollevare gli angoli della bocca, per correggere le bunny lines (in corrispondenza della radice del naso).

tossina botulinica

Chi è un buon candidato per l’iniezione di tossina botulinica?

Si tratta di un trattamento destinato a chiunque abbia rughe sul viso. Già a partire dai 25-30 anni per sfruttare la funzione preventiva della tossina botulinica che rieduca i muscoli del viso ma anche dopo i 30 e senza limiti di età per chiunque voglia ridurre l’aspetto rugoso del viso.

Sorridere, aggrottare le sopracciglia, strizzare gli occhi e persino masticare può portare a uno dei segni più comuni dell’invecchiamento: le rughe. Le rughe possono farti sembrare stanco o addirittura arrabbiato quando non lo sei. Uno dei rimedi più rapidi e sicuri per rimuovere le rughe è un’iniezione di tossina botulinica di tipo A.

La tossina botulinica può essere combinata con altre procedure cosmetiche per la pelle, come peeling chimici, trattamenti laser, filler dermici o microdermoabrasione, per migliorare ulteriormente i risultati. Questa combinazione di terapie può anche aiutare a prevenire la formazione di nuove linee e rughe.

Quali sono i rischi delle iniezioni di tossina botulinica?

È possibile riprendere immediatamente le normali attività della vita quotidiana. È sconsigliato eseguire attività sportiva, docce molto calde, saune, bagni turchi o assumere alcol nelle 48 ore successive al trattamento.

Una nota di cautela: non strofinare o massaggiare le aree trattate con tossina botulinica dopo il trattamento perché il massaggio può causare la migrazione della tossina botulinica in un’altra area del viso. Se ciò accade, potresti avere una temporanea debolezza facciale o ptosi in aree diverse da quelle originariamente trattate.

Sebbene generalmente sicuro il trattamento con la tossina botulinica potrebbe avere degli effetti collaterali e delle complicanze. Tra questi rientrano: lividi e dolore al sito di iniezione, mal di testa, arrossamento, debolezza facciale temporanea, ptosi del sopracciglio o ptosi palpebrale

È molto improbabile che la tossina possa diffondersi oltre l’area di trattamento, causando segni e sintomi simili al botulismo.

Quali risultati dovrei aspettarmi dopo le iniezioni di tossina botulinica?

Potresti notare dei risultati entro pochi giorni, ma può essere necessaria fino a una settimana o due per vedere l’effetto completo.  Questo miglioramento dura in genere da tre a quattro mesi. Quando gli effetti della tossina botulinica iniziano a svanire, le tue reazioni muscolari torneranno come prima e le rughe torneranno a comparire.

 

Cos’è un peeling chimico?

peeling chimico

Un peeling chimico utilizza una soluzione chimica per migliorare la consistenza e il tono della pelle rimuovendo gli strati esterni danneggiati.

Sebbene i peeling chimici siano usati principalmente sul viso, possono anche essere usati per migliorare la pelle del collo e delle mani nonché altre zone del corpo. L’esposizione al sole, l’acne o il semplice invecchiamento possono determinare un aspetto cutaneo irregolare, rugoso, macchiato o sfregiato.

Un peeling chimico è uno dei modi più economici per migliorare l’aspetto della tua pelle. Il potenziale risultato del peeling chimico dipende dal tipo di prodotto chimico e dalla tecnica utilizzata.

Cosa può migliorare un peeling chimico

  • Cicatrici da acne o acne
  • Linee sottili e rughe
  • Pigmentazione cutanea irregolare
  • Pelle ruvida e macchie squamose
  • Certe cicatrici
  • Pelle danneggiata dal sole

Quello che un peeling chimico non può fare

  • Tratta le rughe o le rughe profonde del viso
  • Stirare  significativamente la pelle flaccida o ptosica
  • Rimuovere  le cicatrici profonde

Chi è un buon candidato per un peeling chimico?

Potresti non essere un buon candidato per il peeling chimico se hai:

  • Una storia di cicatrici cutanee patologiche (ipertrofiche o cheloidee)
  • Una carnagione o un tono della pelle naturalmente scuri
  • Una tendenza ad avere una iperpigmentazione delle tue cicatrici
  • Condizioni della pelle o farmaci che rendono la pelle più sensibile del normale

Come devo prepararmi per un peeling chimico?

Tutti i peeling chimici comportano alcuni rischi.

Il peeling chimico è di solito una procedura molto sicura se eseguita da un chirurgo plastico certificato ed esperto. Sebbene molto rari, infezioni o cicatrici sono rischi derivanti da trattamenti di peeling chimico.

Per le persone con determinati tipi di pelle, c’è il rischio di sviluppare un cambiamento di colore temporaneo o permanente nella pelle che si schiarisce o si scurisce. L’uso di farmaci ormonali o una storia familiare di scolorimento brunastro sul viso o in risposta alla guarigione della cicatrice può aumentare la possibilità di sviluppare una pigmentazione anormale.

Se in passato hai sofferto di herpes labiale (herpes), c’è il rischio di riattivazione. Assicurati di chiedere al tuo medico di prescrivere farmaci per ridurre il rischio di una riacutizzazione in risposta al trattamento. Informa il tuo medico se hai una storia di cheloidi o qualsiasi tendenza insolita alla cicatrizzazione.

Quali sono le fasi di una procedura di peeling chimico?

Le soluzioni chimiche vengono applicate con cura sulla pelle per migliorare l’aspetto rimuovendo gli strati esterni danneggiati. La formula utilizzata dal medico verrà adattata alle vostre esigenze .

Esistono tre tipi di peeling chimici a seconda della profondità raggiunta dal peeling:

  • Leggero: All’inizio piccoli miglioramenti sottili, ma con più trattamenti il viso apparirà più luminoso e sano
  • Medio: La tua pelle sarà notevolmente più liscia e dall’aspetto più fresco
  • Profondo: i risultati sono eccezionali, ma il recupero richiede più tempo

Cos’è un peeling chimico leggero?

peeling chimico leggero

Un peeling chimico leggero potrebbe essere la scelta giusta se hai pigmentazione irregolare, secchezza, acne o rughe sottili. Questo tipo di peeling rimuove solo gli strati esterni della cute (epidermide) con una leggera esfoliazione e provoca un aspetto più sano e luminoso della pelle.

Gli agenti comunemente utilizzati nei peeling leggeri possono includere combinazioni di alfaidrossiacidi e beta idrossiacidi, come acido glicolico, acido lattico, acido salicilico e acido maleico. È possibile ripetere questi trattamenti a intervalli regolari per ottenere i risultati desiderati.

Passaggi della procedura di peeling chimico leggero:
  • Il tuo viso sarà pulito.
  • La soluzione chimica viene spazzolata sulla pelle e lasciata in posa per alcuni minuti. Potresti sentire un leggero bruciore.
  • Il peeling chimico viene quindi lavato via o neutralizzato.
Rischi di peeling chimico leggero e recupero

È probabile che si verifichino arrossamenti, bruciore, desquamazione della pelle e irritazione dopo un peeling chimico leggero.

Dopo trattamenti ripetuti, questi effetti collaterali probabilmente diminuiranno.

Altri rischi di peeling chimico leggero includono: iperpigmentazione (evitabile utilizzando sempre una crema solare ad alto fattore di protezione) e infezione.

Che cos’è un peeling medio?

peeling medio

Cicatrici da acne, rughe più profonde e colore della pelle non uniforme possono essere trattati con un peeling chimico medio.

Le sostanze chimiche utilizzate per questo tipo di peeling rimuoveranno le cellule della pelle sia dallo strato esterno della pelle (epidermide) che dalla parte superiore dello strato intermedio della pelle (derma).

Gli agenti frequentemente utilizzati per il peeling chimico di media profondità includono il TCA (acido tricloroacetico), la soluzione di Jessner e l’acido glicolico.

Fasi della procedura di peeling chimico medio
  • Il tuo viso sarà pulito.
  • La soluzione chimica viene spazzolata sulla pelle e lasciata agire per pochi minuti. Potresti sentire bruciore  durante la procedura.
  • L’area trattata può assumere un colore grigio biancastro.
  • Le sostanze chimiche vengono neutralizzate con un impacco salino fresco.

La tua pelle può diventare rossa o marrone nei giorni immediatamente successivi al peeling. Il processo di desquamazione inizia in genere entro 48 ore e dura una settimana. È importante mantenere la pelle ben idratata durante il processo di esfoliazione.

Rischi di peeling chimico medio e recupero

Quando l’acido tricloroacetico viene utilizzato in un peeling chimico medio,  si verificherà arrossamento, bruciore e desquamazione della pelle. Comunemente, i sintomi sono simili a quelli di una scottatura solare profonda.

Anche se queste sostanze chimiche non sbiancano la pelle, potresti notare alcuni cambiamenti di colore. Si consiglia di evitare il sole e di utilizzare la crema solare per diversi mesi per proteggere quel nuovo strato di pelle.

Altri rischi di peeling chimico medio includono:
  • Può verificarsi iperpigmentazione.
  • Le cicatrici permanenti sono un altro rischio raro.
  • Il rossore, che si verifica in tutti dopo il peeling, può durare alcuni mesi per alcune persone.

Cos’è un peeling profondo?

Botox Peeling e filler

Se hai rughe del viso più profonde, pelle danneggiata dal sole, cicatrici, aree macchiate o addirittura lesione precancerose, i peeling chimici del viso profondi potrebbero essere la scelta giusta per te. Il tuo medico stabilirà se sei un buon candidato per questa procedura.

In questo caso il peeling chimico penetrerà raggiungendo tutti gli strati cutanei (epidermide, derma papillare e derma reticolare). Per questo tipo di peeling, potrebbe essere necessario un anestetico locale e un sedativo per gestire qualsiasi disagio.

Un peeling chimico profondo di solito comporta un pretrattamento per un massimo di otto settimane. Questo preparerà la tua pelle per il peeling e accelererà il processo di guarigione.

Il pretrattamento può includere l’uso di una crema o un gel a base di acido retinoico, un farmaco su prescrizione derivato dalla vitamina A. Questo pretrattamento serve per assottigliare lo strato superficiale della pelle, consentendo alla soluzione chimica di penetrare in modo più uniforme e profondo.

Fasi della procedura di peeling chimico profondo
  • Ti verrà somministrato un sedativo per rilassarti insieme a un anestetico locale per intorpidire il viso.
  • Il tuo viso passerà attraverso un processo di pulizia graduale.
  • Il fenolo viene applicato sulla zona dopo un adeguato intervallo di tempo.
  • La sostanza chimica viene neutralizzata con acqua.
  • Uno spesso strato di unguento viene applicato sulla pelle, per prevenire secchezza e dolore. L’unguento deve restare al suo posto. A volte il chirurgo coprirà la tua pelle con strisce di nastro adesivo o garza medicata anziché un unguento.
Rischi di peeling chimico profondo

Una delle sostanze chimiche utilizzate in un peeling chimico profondo è il fenolo; il fenolo può schiarire la pelle trattata. Con questo tipo di peeling, la tua nuova pelle spesso perde la sua capacità di abbronzarsi normalmente. È fondamentale che l’area trattata sia protetta dal sole.

Anche il fenolo (un agente peeling profondo) può rappresentare un rischio speciale per le persone con malattie cardiache. Assicurati di informare il tuo chirurgo di eventuali problemi cardiaci e di includerlo nella tua storia medica.

Recupero peeling chimico profondo

I pazienti in genere possono tornare al lavoro e ad alcune delle normali attività due settimane dopo il trattamento.

I peeling chimici profondi del viso provocheranno desquamazione, formazione di croste, arrossamento della pelle e disagio per diverse settimane.

Il tuo medico fornirà antidolorifici per farti sentire a tuo agio. Anche se è probabile che il rossore scompaia in circa due settimane, la tua pelle può rimanere arrossata fino a tre mesi.

Un trattamento con un peeling chimico profondo produrrà risultati importanti e duraturi  che possono durare fino a 10 anni.

 

Cosa sono i filler dermici?

Botox Peeling e filler

I filler dermici, come suggerisce il nome, sono dei riempitivi che aiutano a diminuire le rughe del viso e ripristinare il volume e la pienezza del viso.

Con l’avanzare dell’età, i nostri volti perdono naturalmente il grasso sottocutaneo. I muscoli facciali lavorano quindi più vicino alla superficie della pelle, quindi le rughediventano più evidenti.

Anche la pelle del viso perde elasticità e tono contribuendo a questa perdita di volume del viso.  Fattori che influenzano l’invecchiamento includono l’esposizione al sole, il fumo di sigaretta, l’ereditarietà e lo stile di vita.

Cosa possono fare i filler dermici

  • Ripristinare o creare labbra carnose
  • Migliorare i contorni
  • Ammorbidire le pieghe e le rughe del viso
  • Migliorare l’aspetto delle cicatrici depresse

I filler dermici possono essere molto utili per i primi segni di invecchiamento o come valore aggiunto della chirurgia di ringiovanimento del viso.

Cosa non possono fare i filler dermici

Per alcuni pazienti può essere necessario ricorrere a un intervento chirurgico come un lifting del viso , un lifting della fronte, lifting del sopracciglio o una blefaroplastica. I trattamenti di ringiovanimento minimamente invasivi, come i riempitivi dei tessuti molli, non possono ottenere gli stessi risultati della chirurgia, ma possono aiutare a ritardare il momento in cui l’indicazione al’intervento chirurgico diventa appropriata. È importante ricordare che i filler dermici sono trattamenti temporanei per l’invecchiamento del viso e che saranno necessari trattamenti continui per risultati a lungo termine.

Chi è un buon candidato per i filler dermici?

Potresti essere un buon candidato per i filler dermici se: sei in buone condizioni di salute, non fumi, hai obiettivi realistici e ti i impegni a mantenere una buona salute della pelle.

Acido ialuronico

Le iniezioni di acido ialuronico possono essere utilizzate per migliorare il contorno del viso e  ridurre le depressioni dovute a rughe e cicatrici. Puoi vedere miglioramenti potenzialmente notevoli per: cicatrici da acne, depressioni delle guance, r ughe perioculari (zampe di gallina), linee profonde del sorriso che vanno dal lato del naso agli angoli della bocca (note anche come solchi naso-labiali), rughe tra le sopracciglia, linee di marionetta agli angoli della bocca, ridefinire il bordo delle labbra, linee verticali sulla bocca (caratteristiche dei fumatori), Linee di espressione che attraversano la fronte.

L’acido ialuronico è una sostanza naturale presente nel tuo corpo. Alte concentrazioni si trovano nei tessuti connettivi molli e nel fluido che circonda gli occhi. Si trova anche in alcune cartilagini e fluidi articolari, così come nel tessuto cutaneo. Viene estratto e riformulato e ora è diventato uno dei tipi più popolari di riempitivi iniettabili. La stessa sostanza viene spesso iniettata nelle articolazioni doloranti delle persone con artrite per alleviare il dolore e fornire un’ammortizzazione extra.

Idrossiapatite di calcio

L’idrossiapatite di calcio si trova naturalmente nelle ossa umane ed è un composto simile a un minerale.

È spesso utilizzato per: pieghe da moderate a gravi come pieghe naso-labiali, rughe della marionetta e rughe, migliorare la pienezza delle guance e altri contorni del viso, migliorare il volume nelle aree di deperimento del viso come può verificarsi nelle persone sieropositive che presentano atrofia del volto.

L’idrossiapatite di calcio è prodotta biosinteticamente. Ciò riduce il rischio di una reazione allergica e non è richiesto alcun test cutaneo. Questo tipo di filler dermico è noto per produrre un risultato molto naturale, non migra e gli effetti collaterali sono rari.

Conclusione

Botox Peeling e filler

I filler dermici si differenziano per composizione chimica, durata e grado di consistenza. Riempitivi più morbidi vengono utilizzati nelle labbra, ad esempio, mentre potrebbero essere desiderati riempitivi più robusti per migliorare gli zigomi.

Il tuo chirurgo determinerà con te il miglior tipo e volume di riempitivo necessario per le tue particolari aree di interesse. Gli effetti dei filler dermici sono molto prevedibili e hanno rischi ed effetti collaterali minimi se correttamente utilizzati.

Dott.ssa Dibartolo Rita

Altamedica Milano

Whatsapp
Telefono
Email